Decreto Milleproroghe 2024: emendamenti approvati in conversione


Il Decreto Milleproroghe (Decreto n 215 del 30.12 pubblicato in GU n 303 del 30 dicembre 2023) entro il 28 febbraio verrà convertito in legge. Sono state introdotti diversi emendamenti al testo originario in merito alle varie proroghe di bonus e provvedimenti.
Ecco alcune importanti novità, di cui si attende la norma definitiva.

  • Proroga della Rottamazione quater con la possibilità per chi non ha provveduto a pagare le prime tre rate della dilazione con possibilità di farlo entro il 15 marzo. Stesso termine del 15 marzo vale anche per le regioni colpite dall’alluvione a maggio 2023.
  • Proroga al 31 dicembre 2024 del bonus acquisto casa under 36, con la condizione che il preliminare sia stato firmato entro il 31.12.2023 e che il beneficio viene riconosciuto solo ai soggetti con Isee fino a 40 mila euro.
  • Proroga del Ravvedimento speciale per le dichiarazioni dei redditi validamente presentate al 31 dicembre 2022.
  • Proroga della esenzione IVA per gli ETS al 1° gennaio 2025.
  • Esenzione Irpef per gli agricoltori, La norma stabilisce per il 2024 ed il 2025 l’esenzione totale per i redditi agrari fino a 10mila euro e introduce uno sconto del 50% per quelli tra 10mila e 15mila euro. Oltre questa soglia l’Irpef torna piena. Approvato anche l’emendamento che rinvia al 30 giugno l’obbligo di assicurazione sui mezzi agricoli nelle aree private.
  • Proroga dal 31 gennaio al 31 marzo 2024 del termine ultimo per le comunicazioni dei rapporti di lavoro degli arbitri e dei direttori di gara nello sport.
  • Proroga sulla pensione dei medici. Più esattamente, è consentito ai medici di poter rientrare in servizio fino a 72 anni, anche se già pensionati, senza però ricoprire incarichi dirigenziali, per fronteggiare la grave carenza di personale nelle aziende del Servizio Sanitario Nazionale.


Fonte: Redazione ALDEPI

Se sei interessato in merito ad eventi e novità previdenziali che riguardano il nostro Sindacato seguici su Linkedin